Rubrica Eco Mamme
27 Maggio 2013
Vita da Tarzan
20 Maggio 2013
Meno zucchero!
News
Progetto
Chi siamo
Scuole
farmacie
Materiali
Precedenti edizioni
Contatti
Assistenza
Home » Rubrica Eco Mamme

Fiori regali

Camelie, rose, primule, e... chi più ne ha più ne metta

Lun
9
Gen '12

Tutte le donne amano i fiori, ma soltanto quelli preferiti da regine o personaggi famosi (come le camelie della “Traviata”) hanno il privilegio di essere ricordati.

Sappiamo, ad esempio, che a Cleopatra (malgrado la disapprovazione dei suoi sudditi) piacevano moltissimo le rose, e che le preferiva addirittura al tradizionale e venerato fiore di loto, mentre Elisabetta I, introdusse nella corte inglese la moda dei fiori nei capelli, scegliendo il giallo pallido delle giunchiglie per far risaltare le sue chiome fiammeggianti. Alla Regina Vittoria è stata dedicata la ninfea più grande del mondo (con foglie galleggianti grandi come tavolini da tè) che fu chiamata Victoria regia proprio in suo onore. E dire che Vittoria preferiva la primula, il più semplice e grazioso dei fiori, e aveva l’abitudine di regalarne mazzolini ad amici e parenti per augurare la buona fortuna!

In altri casi, la scelta di un certo fiore sembra quasi… obbligata. La Regina Margherita di Savoia, ispirandosi al proprio nome, si metteva margherite nei capelli e le faceva ricamare su vestiti; fra tutti i gioielli, inoltre, preferiva le collane di perle (in latino “margarita” significa, appunto, perla).

Ci sono, infine, le “quasi regine”, come Madame de Pompadour, che aveva una predilezione per i fiori bianchi e profumatissimi, e Giuseppina, la moglie di Napoleone, che condivideva con lui la passione privata per le violette. (La passione pubblica, invece era tutta per le rose, di cui Giuseppina raccolse un’importante collezione nei giardini della Malmaison). I fiori preferiti di una “regina mancata”, come Wally Simpson (la donna per la quale Edoardo VII rinunciò al trono d’Inghilterra) erano i romantici non-ti-scordar-di me, che furono scelti per decorare la casa nel giorno delle nozze, ed ispirarono anche la particolare sfumatura azzurra dell’abito della sposa.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

Pierre Fabre Italia S.p.A. - via G. G. Winckelmann 1 - 20146 Milano Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento della società Pierre Fabre Dermocosmetique S.A.S., con sede in Lavaur Cedex (Francia) Cod. Fisc. e P. IVA 01538130152- R.E.A. MI n° 858615 - Registro Imprese di Milano n° 01538130152 - Capitale Sociale € 2.400.000,00 i.v.