Rubrica Eco Mamme
27 Maggio 2013
Vita da Tarzan
20 Maggio 2013
Meno zucchero!
News
Progetto
Chi siamo
Scuole
farmacie
Materiali
Precedenti edizioni
Contatti
Assistenza
Home » Rubrica Eco Mamme

Sottili anzi sottilissimi

Il cetriolo, fra alimentazione e bellezza

Mar
15
Nov '11

Le qualità cosmetiche del cetriolo erano perfettamente note alle nostre nonne, che ne ritagliavano fettine rotonde da applicare sulle zone… critiche del viso, oppure da mettere sulla fronte e sulle tempie per alleviare stanchezza e mal di testa. Queste maschere di bellezza casalinghe erano, del resto, conosciute e apprezzate già nel Rinascimento, insieme alle creme e alle lozioni ottenute mescolando la polpa di cetriolo con il miele o con il latte. Interessante, fra le altre, la maschera detta “dei tre semi”, che suggeriva di pestare in un mortaio i semi di cetriolo insieme a quelli di melone e di cocomero (sbucciati, naturalmente!) e di aggiungere al tutto un po’ d’olio di mandorle dolci. Il risultato era garantito!

I pregi cosmetici del cetriolo non devono far dimenticare, però, quelli alimentari. Il loro elevato contenuto d’acqua li faceva apprezzare dai Romani, che li trovavano freschi e dissetanti; l’imperatore Tiberio, poi, desiderando mangiare cetrioli anche d’inverno, aveva allestito nella sua villa di Capri delle serre mobili su ruote, per poter catturare meglio i raggi del sole. Anche nella Bibbia si legge che le insalate di cetrioli erano fra i cibi maggiormente rimpianti dagli Ebrei, durante la loro fuga dall’Egitto. Un particolare curioso: questa spiccata predilezione per i cetrioli era condivisa anche dai membri della buona società inglese di fine Ottocento. Nelle commedie e nei romanzi ambientati in questo periodo infatti, si legge spesso che l’abitudine di accompagnare il tradizionale tè delle cinque con tartine al cetriolo, era considerato il massimo del buongusto e della raffinatezza. La formidabile Lady Augusta, ad esempio, nella commedia di O. Wilde “L’importanza di chiamarsi Ernesto” ne lamenta espressamente la mancanza.

Fra le regole del “bon ton”, una, comunque era tassativa: le fettine di cetriolo dovevano essere tagliate sottilissime!

Pierre Fabre Italia S.p.A. - via G. G. Winckelmann 1 - 20146 Milano Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento della società Pierre Fabre Dermocosmetique S.A.S., con sede in Lavaur Cedex (Francia) Cod. Fisc. e P. IVA 01538130152- R.E.A. MI n° 858615 - Registro Imprese di Milano n° 01538130152 - Capitale Sociale € 2.400.000,00 i.v.